Pubblicato da: giulianolapostata | 21 novembre 2015

“SPECTRE” (S. Mendes, USA/GB, 2015)

Non è possibile recensire un film così brutto: andiamo solo per punti.

  • La sceneggiatura fa acqua da tutte le parti. Molte situazioni vengono solo accennate, ma poi non vengono spiegate e rimangono in sospeso (chi è esattamente il ‘Re pallido’ e perché si chiama così? Perché Monica Bellucci dice di sentirsi minacciata di morte? Forse prevede le reazioni degli spettatori?! Eccetera).
  • Daniel Craig è freddo ed emotivamente assente, al minimo sindacale.
  • Monica Bellucci ha voluto pagarsi una comparsata in uno 007, ma era meglio se se la risparmiava. A parte la sua espressività, inferiore a quella di un palo della luce (“Ciappi”, l’aveva soprannominata Stefano Disegni su Ciak), alla sua età non era proprio il caso. Con la legione di truccatori e visagisti che certo deve aver avuto a disposizione, i suoi primi piani sono, a dir poco, imbarazzanti.
  • Ben Whishaw fa piangere nella parte del nuovo Q. Ma chi è quel ragazzino, dalla presenza scenica inesistente, grottesca caricatura di un nerd? Chi e quanto ha pagato per entrare nel cast? Ma li ha visti i film precedenti? Non si vergogna, ripensando a Desmond Llewelyn?!
  • Dave Bautista sembra Bruto, il nemico di Braccio di Ferro
  • Miss Moneypenny di colore?! Benissimo, ma allora un minimo di intelligenza avrebbe voluto che le si cambiasse nome. ‘Moneypenny’ non è una carica che si eredita (come Q o M): era il cognome del personaggio, che era sempre stata un’attrice bianca. Se cambia l’attore cambia anche il personaggio, e perciò il nome.
  • Gli inseguimenti in macchina sono pochi, banali e noiosi. Non sono inseguimenti, ma piatti spot pubblicitari dell’Aston Martin e della Rover. Semplicemente dementi lo sketch con la Cinquecento e le armi segrete della DB10 che non funzionano. Forse si voleva inaugurare un nuovo filone? 007 comico?
  • L’esplosione del covo di Blofeld è ridicola: basta un proiettile e salta per aria tutto, neanche fosse una raffineria di benzina. Non parliamo dell’effetto modellino, semplicemente penoso.

Certamente il peggior 007 di Daniel Craig, ed un bel tonfo di Sam Mendes: del resto, per lui non è il primo.

Annunci

Responses

  1. sei un genio!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: