Pubblicato da: giulianolapostata | 21 febbraio 2014

LA PROSSIMA VOLTA CHE RINASCO, INVECE DI FARE L’INSEGNANTE VADO A LAVORARE I CAMPI

 

C’era una volta – e c’è ancora – in una ridente cittadina in Provincia di Vicenza, un ragazzino con la passione dello skateboard. Avrebbe bisogno che il Comune gli mettesse a disposizione strutture adeguate per esercitarsi ma il Sindaco – che evidentemente preferisce buttar via il denaro pubblico in stupidaggini come la riparazione delle strade o magari l’installazione di panchine nei parchi pubblici – non ha provveduto alla bisogna. Così, al ragazzino di cui sopra non è rimasto che andare coi suoi amici a correre sulle suddette panchine, scrostandone la vernice. Il Comandante della Polizia locale e l’Assessore, che in quel momento passavano di lì, gli hanno detto di non farlo, ma sono stati “sbeffeggiati”: pudica metafora per riferire termini di cui possiamo facilmente immaginare il tenore. Ma il ragazzino probabilmente li aveva sentiti durante qualche recente diretta dal Parlamento, e dunque è pienamente giustificato: se non si impara dai grandi … A quel punto il Sindaco, manifestamente indifferente alle esigenze sportive e sociali della popolazione, ha deciso di multarlo. Cose da pazzi. “Dopo questo episodio sento che nel mio paese non posso praticare lo sport che mi piace” ha commentato sconsolato il giovane. Come ti capisco, ragazzo mio. Pensa che tempo fa, mentre stavo facendo una corsetta in tangenziale con la mia nuova Ferrari 458 – niente di speciale, una garetta sul filo dei duecento: un amico si era appena comprato la Lamborghini Gallardo e volevamo vedere chi era il più figo dei due – quei maledetti della Questura ci hanno fermato, ci hanno sequestrato le macchine e riempito di multe (ma io – non dirlo a nessuno! – me la sono subito ricomprata con un prestanome: se quegli sfigati pensano di fermare uno come me …). A quel punto è intervenuta la madre del ragazzo – grazie mamma che mi hai fatto la Simmenthal – protestando che “la sanzione non è educativa per il ragazzo, ma solo punitiva per i genitori”. Sacrosanto. E’ come per i compiti per casa. Quegli imbecilli degli insegnanti si ostinano a riempirne i ragazzi ‘per il loro bene’ (?!), non rendendosi conto che così invece puniscono tutta la famiglia, che magari aveva progettato di passare il pomeriggio al Centro Commerciale. Che poi, chi li deve educare, questi ragazzi, i genitori?! Assurdo: spetterà al Festival di Sanremo, a Facebook, al Grande Fratello, a X Factor, agli Amici di Maria de Filippi, magari a quei  poveri cristi dei loro insegnanti: non certo ai genitori. E dunque vogliamo punire i genitori perché qualcuno non si è curato di educare i loro figli? Cose che non stanno né in cielo né in terra.  Insomma ragazzo mio, è sempre la solita storia. Ovunque tu ti giri, in questo maledetto Paese, trovi sempre lacci e lacciuoli che ti impediscono la libera manifestazione del tuo Io, e uno non è neanche padrone di scoparsi la nipote minorenne di Mao Tse-Tung senza che un giudice comunista (se hanno i capelli rossi sono comunisti di sicuro: hai controllato se per caso li avessero anche i vigili che ti hanno multato?!) vada a rompergli le scatole. Ora lo sai, e tra poco, quando diventerai maggiorenne e andrai a votare, ricordati di scegliere bene: tra libertà e arbitrio, scegli l’arbitrio. I soliti imbecilli protesteranno, ma come al solito non avranno capito un c****. Del resto, se no, come si fa a comprarsela la Ferrari 458? Libero skateboard in libero Stato, perdio!

Annunci

Responses

  1. Non vedo il nesso tra skateboard e ferrari!!!!! non faccio skateboard, ma l’accostamento mi sembra fuori luogo, uno skeatboard é alla portata di chiunque, una ferrari no. Sono anche un po’ dubbioso sul fatto che i “soldi pubblici”, sopratutto in italia, finiscano per riparare strade e mettere panchine, visto le stato delle strade e del mobilio ubrano in italia…… Capisco che a una certa età si abbia la tentazione additare il “giovane” come causa di tutti i mali, ma da qui a equiparare un ragazzo che fa skateboard ed il nano di arcore, ce ne vuole!!!!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: