Pubblicato da: giulianolapostata | 25 gennaio 2013

La mia Giornata della Memoria

Sarò disposto a celebrare la Giornata della Memoria solo quando, ogni 15  maggio, verrà celebrata anche la Nakba, cioè la giornata in cui, in attuazione del criminale disegno sionista e razzista di Israele, i  Palestinesi furono definitivamente cacciati da una terra che era solo loro.

Al-Nakba (arabo: النكبة‎, an-Nakbah, letteralmente “disastro”, “catastrofe”, o “cataclisma”) è il nome che viene assegnato nel mondo arabo, e in Palestina in particolare, all’esodo delle popolazioni arabe, intensificatosi a partire dal 15 maggio 1948, che colpì i residenti della regione palestinese quando il Regno Unito, ritiratosi dalla medesima, attribuì ad Israele, secondo il Piano di partizione della Palestina contenuto nella risoluzione 181[1] sanzionato dall’ONU il 29 novembre 1947, la sovranità su quei luoghi.

Il termine “al-Nakba”, arabo: ﺍﻟﻨﻜﺒـة‎, che significa “catastrofe”, identifica anche la ricorrenza, commemorata ogni anno, attraverso la quale le genti palestinesi e arabe rievocano l’estromissione di buona parte degli abitanti arabi della Palestina dai confini dello Stato d’Israele, nato all’indomani della fine del mandato britannico sulla Palestina. Nel febbraio 2010 la Knesset ha varato una legge che proibisce di manifestare pubblicamente in Israele lutto e dolore il 15 maggio.[2]

(da: http://it.wikipedia.org/wiki/Nakba)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: