Pubblicato da: giulianolapostata | 27 settembre 2011

Neonazisti a Vicenza

Narra dunque il Giornale di Vicenza di oggi, martedì 27 settembre 2011 (http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Home/291581_scuola_coperta_da_decine_di_svastiche/) che ieri, sulla facciata di una scuola elementare cittadina, sono state trovate decine di svastiche e di croci celtiche. Sembra, tra l’altro, che non sia una novità, dato che un responsabile della scuola ha dichiarato: “Hanno tappezzato tutti i muri della scuola: Appena ricopriamo le scritte, subito ricompaiono. Queste sono state fatte nel fine settimana. Lo scorso luglio sono anche entrati nella scuola, per fortuna senza fare grossi danni a parte il danneggiamento del distributore di bibite. Qui entrano da tutte le parti: scavalcano il cancello oppure rompono le reti di recinzione e quando sono dentro fanno quello che vogliono”. In tutto ciò, che quattro deficienti – forse più tali che neonazisti – abbiano voluto provare una botta di virilità scarabocchiando la scuola rientra nella ‘normalità’. Interessante invece è la precisazione del giornalista: “croci uncinate, simbolo religioso di origini antiche” (ma va?!), il quale poi, da coscienzioso cronista, aggiunge che oggi il simbolo è “tristemente noto perché adottato dalla Germania nazista” (ah, ecco, mi pareva di averlo già sentito). Ancor più intrigante il sostrato ‘politico’ che si può leggere nelle righe che seguono: “Sull’edificio si notava anche un patibolo tracciato con vernice viola vicino ad una delle svastiche, a significare l’impiccagione del simbolo nazista, disegnato probabilmente da qualche vandalo dell’opposta fazione“. E più avanti: “A conferma che la scuola al di fuori dell’orario di lezione è in balia di vandali che scorrazzano indisturbati, c’è anche il particolare del cappio disegnato che impicca la svastica; segno che, oltre ai graffitari che disegnano croci uncinate, nella stessa scuola entra anche chi è intenzionato a “combattere” a colpi di spray contro i primi”. Certo: perché di  nient’altro si tratta che di ‘vandali di opposte fazioni’, anzi, come si diceva ai bei tempi, “opposti estremismi“. Tutti “vandali”, tutti delinquenti, ma soprattutto tutti uguali Che non sia mai che qualcuno pensi che a Vicenza sia cresciuta florida, in questi anni, la malapianta neonazista e razzista, e che magari quel qualcuno si domandi anche chi in passato l’abbia legittimata e sdoganata, e ancor oggi forse la protegga. Quella sì che sarebbe materia per una bella inchiesta, ma potete star sicuri che, sul Giornale di Vicenza, sarà ben difficile leggerla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: