Pubblicato da: giulianolapostata | 24 luglio 2011

Ma guarda un po …

Dunque stavolta niente talebani assatanati con teoria di mogli in burka al seguito, ad insanguinare le strade di una delle nazioni più civili, multiculturali, multirazziali e tolleranti del mondo. Niente arabi barbari e puzzolenti a scatenare qualche jihad per le strade di Oslo. E neppure, niente demoniaci Black Bloc, anarchici pazzi, terroristi rossi in ritardo sulla Storia.

Niente. Solo un bravo giovane, alto, biondo, con gli occhi azzurri, cristiano, ‘di pura razza ariana’.

E adesso, cosa faremo? Invaderemo la Norvegia? Colpiremo Stoccolma coi missili Cruise? Incendieremo i pozzi petroliferi del mare del Nord? Manderemo i bombardieri italiani a radere al suolo il Vaticano, origine di tutti i fanatismi religiosi e di ogni intolleranza?

Certo, non faremo niente di tutto questo, ma soprattutto una cosa non faremo. Non ci faremo nessun esame di coscienza, non guarderemo dentro noi stessi, non ci interrogheremo, non cercheremo la ragione di quel che è successo. Soprattutto, non ci chiederemo se la peste razzista che da decenni avvelena l’Europa non sia l’humus che ha nutrito il bravo giovane ariano e cristiano di Oslo ed altri come lui, che se ancora non hanno avuto come lui il ‘coraggio’ di andare fino in fondo, in compenso di tanto in tanto si allenano picchiando o ammazzando un immigrato, bruciando un campo rom, versando orina di maiale sull’area di una costruenda moschea.

Superiorità della ‘Razza Bianca’, demente xenofobia, nazionalismo folle, ottuso antiislamismo: sono solo alcuni degli aspetti della corruzione morale, etica e culturale che da molto tempo sta avvelenando le nazioni europee, e il veleno ha ormai così profondamente pervaso le vene dell’Europa da esser giunto perfino nella civilissima Norvegia.

Non ci chiederemo, insomma, se non sia ‘colpa nostra’. Ce lo butteremo dietro le spalle, cercheremo di dimenticare, faremo finta di niente. Per non vedere il nemico dentro di noi, cercheremo fuori, uno dei tanti che ci siamo fabbricati: c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Quando parte il prossimo raid sulla Libia?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: