Pubblicato da: giulianolapostata | 24 agosto 2010

Appunti di viaggio

Una domenica d’agosto. Sulle banchine assolate della stazione di Firenze Rifredi aspetto il treno che mi riporti a casa. Ho alle spalle una settimana di studio all’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia, vicino a Pisa, e mentre il calore sale a ondate dalle rotaie cerco di meditare sul principio della Compassione, “uno degli insegnamenti fondamentali del Buddhismo Mahayana” come dice il Dalai Lama, quel concetto che possiamo trovare mirabilmente espresso nella Vita di Milarepa: “La nozione del Nulla genera la pietà. La pietà abolisce la differenza tra sé e gli altri. Il confondere sé con gli altri realizza la causa altrui”.

Finalmente parte il treno per Padova. Sale con me un gruppo di scout, che occupa quasi tutto il vagone. Tra loro, un ragazzo sui diciassette anni, volto duro, nei cui occhi brilla non solo la – comprensibile – presunzione tipica della sua età ma anche, soprattutto, la sicumera dell’apostolo e del martire. Legge e commenta il giornale ad alta voce, imponendolo così a tutti i passeggeri, ma lo scopo è quello di far sapere a tutti quanto siano puri i suoi principi e salda la sua fede. Ad un certo punto trova la notizia di un gruppo di islamici, arrestati non ricordo dove per possesso di sostanze esplosive e presunti legami col terrorismo internazionale, e alla fine conclude: “Ma andranno all’Inferno, questi bastardi”. Ricordo di aver pensato: ‘Provo orrore per lui’.

Poi, due considerazioni mi sono venute alla mente. La prima. E’, questa, una manifestazione tipica della folle arroganza delle religioni rivelate: è probabile che uno di quei giovani islamici, ascoltandolo, avrebbe pronunciato le stesse parole. Io possiedo ‘la’ Verità, l’unica. Dio – il ‘mio’ Dio, l’Unico – me l’ha rivelata ed io, di essa armato, fendo il mondo. Tu, chiunque tu sia, poiché non la condividi, sei un nemico di Dio, e quindi mio nemico. In nome di questa Verità – in nome del mio Dio – io mi arrogo il diritto di giudicarti, e ti condanno all’Inferno, cioè ad una dannazione che sarà eterna. La seconda. Anche ammettendo l’idea di un Dio creatore ed ‘ordinatore’ del mondo, quel pensiero manifesta una concezione della religione profondamente ‘piccola’ e angusta. Paradiso ed Inferno non sono più gli elementi di un disegno divino sia pur imperscrutabile ed incomprensibile ma, per sua stessa natura, giusto e buono. Diventano elementi di una vendetta personale, armi meschine e cattive di una individuale guerra di religione in cui io, possessore della ‘vera Fede’, amministro la Giustizia in nome di Dio.

Il Defensor Fidei e i suoi amici scendono a Bologna, e qualcuno di loro dimentica sul portapacchi uno zaino: il loro Dio ha voluto punirli per il peccato di Orgoglio? Il suo karma negativo è già maturato? Mentalmente gli chiedo scusa per i miei pensieri di orrore: ora so che provo Compassione per lui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: